IL GOLFO E I SUOI POETI

June 26, 2020

E infine uscimmo a rivedere il Golfo...

 

 

L' ultima mostra virtuale che l'Ucai propone, prima della pausa estiva, vuole essere un omaggio al nostro Golfo e ai molti artisti che, nel corso dei secoli, sono stati incantati dalle sue bellezze e da quel fascino particolare, che ha spinto il drammaturgo Sem Benelli a soprannominare la perfetta insenatura della Spezia come “Golfo dei Poeti“: denominazione con cui ormai è conosciuta in tutto il Mondo. Difficile esprimere con parole il motivo per cui La Spezia e i suoi dintorni siano così attrattivi: forse il fascino di questa città sta anche nel suo essere “diversa”, diversa persino dal suo stesso territorio prossimo: dalla Liguria e dalla Toscana, dalla Lunigiana e dall'Emilia.

Per questo quando, col solstizio d' estate, che è appena trascorso ( e che speriamo ci porti “ a riveder le stelle “ dopo un periodo veramente oscuro ), le ore di sole aumentano. e la voglia di uscire anche, è giunta la stagione ideale per riscoprire, fisicamente o virtualmente, la nostra città e i suoi splendidi dintorni.

Gli artisti dell' Ucai hanno aderito numerosi a questa iniziativa, proponendo opere di diverse tipologie, dove prevalgono, come sempre, quelle pittoriche. Varie le tecniche e le sensibilità: da opere fortemente liriche ed emozionali (mareggiate e paesaggi non proprio solari), ad altre visioni sottilmente allusive e quasi asratte, ad altre ancora rispettose dei luoghi e attente alle ragioni del “vero naturale“ e del paesaggismo più classico.

Prevalgono le immagini della due “perle” del Golfo: Lerici, col suo imponente castello e Portovenere, magnifico paese fortificato cresciuto a ridosso del mare e della sua chiesa. Ma anche scorci dei più piccoli e non meno pittoreschi Tellaro e San Terenzo.

Nel saliscendi dei borghi affacciati su porticcioli marini, le tavolozze dei nostri artisti si illuminano di colori, che a volte si stemperano di nebbie velate su lontani promontori, altre si immergono nell'azzurro più puro del cielo.

Paesaggi quasi sempre privi di personaggi, come se la presenza umana dovesse turbare la quiete del luogo. La Liguria basta a sé stessa e l' artista lo intuisce, e si ritira in disparte.

Insieme alle opere pittoriche, troviamo alcuni bassorilievi di Fabrizio Mismas con figure di giovani e gioiosi bagnanti, uno di Nina Meloni, raffigurante Lerici e il suo castello e una scultura in onice di Alfredo Coquio.

Completano la rassegna due opere di artisti spezzini famosi: Giuliano Tomaino, con un astratto dai colori marini e Giuseppe Caselli, con un classico paesaggio.

A corollario, le composizioni poetiche di Anna Maria Barini, Pier Giacomo Nigido e della sottoscritta.

 

Gabriella Mignani

 

 

 Bianca Maria PATUZZO                                Portovenere (scorcio le bocche)

 

 

 

 Graziella MORI                                          Lerici e il golfo

 

 

 

 

Golfo dei Poeti

 

La sera

che passai dal piasseo:

luci sull'acqua

e concerto nel poggio

e tele imbrattate

di ricordi confusi.

E tu che fuggi

tra la gente del golfo:

troppo per te

anche un amore di sguardi...

 

Noi siamo gente di frontiera

le nostre radici son vaghe

e pure così vicine

da una città lontana.

 

Lasciata alle spalle

la mezzanotte, mi avviai verso l'una

di caldo e di tornanti

e neanche un filo di vento

a rinfrescare la notte.

 

Una vaga assenza di te

soffiava nella mia mente,

ma non potevo afferrare

che la morsa tenace

della cintura di sicurezza.

 

                           Gabriella MIGNANI

 

dalla raccolta " Cambio di Stagione ", edizioni Helicon, giugno 2019.

 

 Fabrizio MISMAS                                                 Nuotatori (bronzo)

 

 

 

 Rosa Marina PASSARO                                        Giardini sul golfo dei poeti

 

 

 

 

 Alfredo COQUIO                                      Bacio sull ' onda (onice)

 

 

 Gloria AUGELLO                                               Portovenere

 

 

 Alberto BARLI                                                      Marina

 

 

 

 

 Umberto BETTATI                                            Uno sguardo al mare

 

 

 

 Antonella BORACCHIA                                                 Alba nel golfo

 

 

 

 

 Pino BUSANELLI                                            Golfo primordiale

 

 

 

 

 

 Cettina NARDIELLO                                            Barche nella nebbia

 

 

 

 Enrico IMBERCIADORI                                           Mareggiata

 

 

 

 

 Giuliana GARBUSI                                            Il golfo dei poeti

 

 

 

 Guido BARBAGLI                                            Riflessi sul mare

 

 

 

 Mario MADDALUNO                                  Portovenere

 

 

 

 

 Marisa MARINO                                                     Portovenere

 

 

 

Sergio MAUCCI                                                          Tellaro

 

 

 

 Nina MELONI                                                        Lerici (terracotta)

 

 

 

OTTOCENTO


 

alla mia città


 


Correva l'anno quando venne il Re

che il mare lambiva le tue spiagge

e un profumo di fiori inebriava

i passi sulla rena.


Nell'aria tersa del mattino

scendeva la Regina con i bimbi

che incitava a sguazzare nella spuma.


Era il tempo in cui il sole si specchiava

nel blu profondo tramutando in oro

le mille schegge delle onde

e il bianco abbacinante delle Apuane

feriva lo sguardo che cadeva,

nel silenzio stracciato dai gabbiani,

sul verde ombroso dei colli.


S'arrendeva il mare sul Torretto

e sulla pelle bianca di Virginia

stendeva un'umida carezza.


Bei giorni d'un paese quieto e silente

sgranato dai rintocchi di campana,

dal tocco dei cavalli alla frusta,

dai gridi nella piazza e alla marina.


Resti solo nei quadri del Fossati,

nei bozzetti del Valle, una storia

raccontata dall'olio dei colori,

un inganno, una vita inesistente.


Si chiude in un ricordo

l'abbraccio del golfo e i suoi poeti

che rime d'amore per te hanno cantato.


 


Anna Maria Barini


 

La Spezia, 4 agosto 2012

 

 

 Pier Luigi MORELLI                                                 Portovenere

 

 

 

 Ombretta FRANCO                                                  Lerici

 

 

 

 Malia Pescara Di DIANA                                       Lerici e le sue meraviglie

 

 

 

 

 

Maria Luisa PETRI                                                          Vicolo di Lerici

 

 

 

 

 Rosa SANTARELLI                 L a mattinata era così bella,

                                                  tranne che per una striscia di vento qua e là,

                                                  che il mare e il cielo sembravano un unico tessuto,

                                                  come se le vele fossero bloccate in alto nel cielo,

                                                  o le nuvole si fossero abbassate nel mare.

 

                                                                                                                          Virginia Woolf

 

 

                                               

 

 

 Maria Rosa TALIERCIO

 

 

 Maria Filomena VORTICE                                          Poesia nel golfo

 

 Anna Maria GIARRIZZO                            Lerici                                            Le Grazie

 

 Nicol SQUILLACI

 

 Mirella RAGGI                                                    Riflessi (Lerici)

 

 

 

 Bianca Maria PATUZZO                                                               Portovenere grotta Byron

 

 

 

Mostri terragni le isole,
    acquattate nel golfo.

    Guardale sparire,
    io con loro,
    in un gorgo violento.

 

Pier Giacomo Nigido

 

 

Dalla raccolta “Notte fonda, perlopiù” (Gammarò edizioni, febbrario 2016 )

 

 

 

 

 

 Graziella MORI                                                           Tellaro e il golfo

 

 

 Fabrizio MISMAS                                                  Tema marino (Vetroresina e legno)

 

 

 Rosa Marina PASSARO                                     LERICI (dipinto su foglia oro cornice in finto effetto lapislazolo)

 

 

 

 Bianca Maria PATUZZO                                          Punta isola Palmaria

 

 

 

 

La bellezza del Golfo della Spezia vanta nell’arte uno speciale e intramontabile protagonismo. Ha ispirato pittori di alta notorietà ed è fin troppo spontaneo fare i nomi di William Turner (1775-1851) e Arnold Böcklin (1827-1901), di Massimo d’Azeglio (1798-1866), Giovanni Fontanesi (1813-1875) e Antonio Fontanesi (1818-1882), dei macchiaioli Cristiano Banti (1824-1904), Vincenzo Cabianca (1827-1902) e Telemaco Signorini (1835-1901), del genovese Tammar Luxoro (1825-1899), del romano Nino Costa (1826-1903) e dei nostri Agostino Fossati (1830-1904), Giò Batta Valle (1843-1905), Felice Del Santo (1865-1934) e Antonio Discovolo (1874-1956), quest’ultimo bolognese di nascita. Non trascuro gli adepti del Futurismo che con Filippo Tommaso Marinetti (1876-1944) in testa furono abbagliati dall’avvenenza poetica del golfo spezzino.

Rinomato “Pittore del mare” è stato Giuseppe Caselli (1893-1976), autore di decine e decine di tele cromaticamente esuberanti e tutt’altro che banalmente descrittive. Nel suo realistico mare, così è quello celebrato nella Mareggiata del 1955, messo a fuoco con invidiabile prontezza, risiede un disegno dai risvolti esistenziali. Nei suoi lavori emerge la sensazione che il pittore custodisse il mare nella mente e nel cuore intessendo relazioni confidenziali e addirittura mistiche.

Quanto ad estro Giuliano Tomaino (1945) ne possiede in abbondanza. È un fedelissimo alleato dell’immaginario, che da sempre è partecipe della sua attraente e meditata ricerca plastica e pittorica. Sereno e verde si caratterizza per la superficie pressoché monocroma, scandita da pacate luminescenze che generano una sorta di vaporizzazione del prevalente colore azzurro. Ordinati segni verdi si muovono in libertà e favoriscono la lettura del dipinto, emblematica e vitale sintesi, anche poetica, del creato. (v.p.c.)

                                                                                                                                                                   

Valerio CREMOLINI

 

 

 


 

 Giuseppe CASELLI (1893 1976)                                       Mareggiata 1955

 

 

 

 Giuliano TOMAINO                                                     Sereno e verde

 

Please reload

 FOLLOW THE ARTIFACT: 
  • Facebook B&W
  • Twitter B&W
  • Instagram B&W
 RECENT POSTS: 

May 22, 2020

March 18, 2020

December 18, 2019

November 24, 2019

October 26, 2019

Please reload

 SEARCH BY TAGS: 
Please reload

© 2023 by UCAI LA SPEZIA Proudly created with Wix.com

  • Facebook B&W
  • Twitter B&W
  • Instagram B&W
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now